LA CONSULENZA PEDAGOGICA

La consulenza pedagogica si concentra sulla relazione educativa, si occupa di cura, sostegno e formazione delle persone in relazione ad un bisogno o problema di tipo educativo. L’obiettivo principale della consulenza pedagogica è quello di accompagnare la persona nella formulazione di un progetto educativo di vita in grado di rispondere ai propri bisogni e a quelli delle persone di cui ci si prende cura e della cui formazione e maturazione si è responsabili. Si rivolge principalmente ai genitori, attraverso l’offerta di un sostegno alla genitorialità individuale e di coppia, a quanti desiderano comprendere e migliorare il proprio compito educativo (insegnanti, educatori, operatori sociali) e ai protagonisti delle relazioni educative cioè a bambini,  adolescenti, giovani, adulti, anziani, singolarmente o in gruppi. Tuttavia è utilmente estendibile ad ogni persona, interessata ad analizzare e approfondire il proprio processo di formazione e maturazione lungo il corso della vita.
Il consulente pedagogico interviene dunque sul progetto di vita e sull’orientamento al futuro, attraverso interventi di tipo preventivo e di promozione delle risorse personali. Tali interventi si concretizzano in colloqui finalizzati a chiarire il senso profondo di ogni esperienza, il cambiamento che genera e le nuove opportunità che mette a disposizione. La sua consulenza può essere proposta in combinazione con altri tipi di intervento per riuscire a dar significato a situazioni di elevata complessità.

Gli ambiti di intervento

La consulenza pedagogica è consigliabile, a titolo esemplificativo, quando:

  • si avvertono difficoltà nella gestione e nella relazione coi figli di qualsiasi età:
    bambini piccoli (con capricci, crisi emotive, ecc.), figli adolescenti o adulti;
  • si fa fatica a gestire e ad accompagnare figli con disabilità congenite o sopraggiunte;
  • subentra la necessità di un sostegno da parte dei genitori durante l’iter di separazione;
  • si ha bisogno di essere sostenuti durante un percorso di affido o adozione;
    si presentano difficoltà nello studio e demotivazione durante il percorso universitario;
  • Si vive con difficoltà il passaggio in una nuova fase evolutiva e si avverte il bisogno di verificare il proprio progetto di vita